I racconti di Ghostbusters Italia

Home FORUM AREA FANS Fan Art & Fan Fiction I racconti di Ghostbusters Italia

  • Questo topic ha 3 risposte, 3 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 3 anni, 5 mesi fa da
    Amministratore del forum
    .
Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #25537
    Membro

    Ciao ragazzi, come anticipatovi, ho iniziato a stendere dei racconti che vogliono avere come protagonisti…bè noi! Per conoscenza della materia ho iniziato dal socio che conosco meglio in assoluto….io  :-)

    Se la cosa vi piace e volete essere anche voi protagonisti di un breve racconto, mandatemi un PM o un messaggio su Facebook con le vostre caratteristiche principali e un aneddoto che vi piacerebbe trasformare in racconto…potremmo redigere insieme un vero e proprio libro!

    Qui sotto troverete la prima parte del racconto che mi vede in prima linea….spero vi possa piacere ed appassionare…in fondo siamo un’associazione culturale!  :mail:

    #25538
    Membro

    La pioggia tambureggiava sul tetto della sua vettura. Al di là del parabrezza Drew poteva vedere distintamente le raffiche di vento ghermire i passanti. “Ottimo” pensò. “Come se a questa dannatissima ansia che ho addosso non si potesse che aggiungere anche un bel raffreddore”. Scrutò dal basso quella struttura imponente, fortemente moderna. La fiera di Milano. “Milano….vabbè, tutto il mondo fa provincia ormai”.

    Si strinse nella sua flightsuit, sotto lo sguardo incuriosito dei passanti, allacciò la cintura, controllò che il Belt Gizmo fosse funzionante e richiuse la portiera dell’auto dietro di se.

    Era preparato? Non avrebbe potuto dirlo con certezza. La sola cosa certa era che da una vita intera attendeva questo momento. Anni di libri letti, di studi, mesi per imbrigliare le conoscenze tecniche per mettere in pista l’attrezzatura necessaria…e ora? Ora avrebbe conosciuto la Serie A, i professionisti. La squadra di Ghostbusters Italia.

    Drew ricordava perfettamente quell’assolato giorno di inizio Settembre in cui nella sua casella di posta aveva finalmente ricevuto LA risposta. Una busta bianca. Un logo No Ghost. Eccola. La sua richiesta di affiliazione avrebbe ricevuto un si. O un no. Sbirciò la busta…la tastò…sembrava conterere qualcosa in più di una semplice lettera di diniego…e poi eccolo. Il certificato, il tesserino…caro Drew, ce l’hai fatta, sei ufficialmente un Acchiappafantasmi. Guardò verso il cielo e strizzò l’occhio. Suo nonno sarebbe stato maledettamente orgoglioso di lui. Gli parve di sentire ancora l’eco dei rimproveri di sua nonna, mentre commentava le notizie al telegiornale di questi quattro tizi newyorkesi, “vestiti come degli operai, che vanno in giro a prendere i fantasmi”. Il nonno puntualmente rideva silenziosamente e gli strizzava l’occhio, salvo poi incontrare anche il favore della nonna: “Eh vabè…lo fanno per la brava gente. Se vorrai farlo anche tu per la brava gente, vuol dire che sei un bravo ragazzo…”

    Questi ricordi gli facevano da scudo, mentre si faceva largo tra la folla accalcatasi all’interno della fiera. Tra fiera della scienza e raduni cinematografici c’era un bel casino. Varcò le porte, tambureggiò con le dita sulla gomma delle scale mobili, lasciò il giubbotto alla guaradarobiera e si trovò dinnanzi ai tornelli. Un respiro profondo. Due. Poi la voce di un bambino: “Guada mamma, è uno dei Ghostbusters!”. Gli si gonfiò il petto di orgoglio e varcò i tornelli. Di lì a pochi passi avrebbe conosciuto ufficialmente i suoi compagni di squadra.

    Lo stand era enorme, splendido. Torreggiava su ogni cosa la replica dell’unità di contenimento utlizzata dai primi Ghostbusters. I dottori Venkman, Stantz, Spengler. Aveva letto che il dottor Guglielmin, che tutti chimavano Guusc, aveva construito la vera unità di contenimento con una perizia pari a quella del dottor Spengler e che per le fiere, aveva anche messo insieme questa replica. “Qui ho a che fare con dei fottuti geni” si lasciò scappare, quando sentì dietro di se una risposta: “Finchè siamo seri…ma non lo siamo quasi mai…”. Si voltò di scatto, e vide uno dei ragazzi in grigio. Lesse il nome sulla tag: Ciaffaroni. Aria affabile, sguardo fiero e sorriso rassicurante. “Piacere, sono Drew, uno dei nuovi…” non fece in tempo a finire la frase: “Piacere anche mio, benvenuto a bordo amico!”. In un secondo fu stretto in un abbraccio amichevole. Per la prima volta dopo tanti anni, Drew ebbe la sensazione di aver trovato una vera famiglia…

    #25550
    Membro

    Grande!!!

    #25562
    Amministratore del forum

    Genio!!!  :yahoo:   :yahoo:   :yahoo:

    Continua così grande Dr_Drew!!!

    Dalla prossima settimana iniziamo la condivisione e faremo una pubblicazione di tutti i racconti!  :yahoo:   :yahoo:   :yahoo:

    “Perchè è bello essere fans di Ghostbusters? Perchè siamo fan dei fan!”

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.