Addio all’attore Philip Baker Hall

Domenica 12 giugno è venuto a mancare l’attore Philip Baker Hall, apparso brevemente in Ghostbusters II nel ruolo del Commissario di Polizia alla corte del sindaco Lenny. Nato il 10 settembre del 1931 a Toledo, nell’Ohio, dopo aver prestato servizio come traduttore in Germania per conto dell’Esercito degli Stati Uniti d’America, ha dato inizio alla sua carriera d’attore al Los Angeles Theatre Center, apparendo in televisione, a partire dalla seconda metà degli anni ’70, in ben oltre 200 guest role (M*A*S*H, La signora in giallo e la più recente sit-com Seinfield). Caratterista di indubbia qualità, è conosciuto al grande pubblico per aver collaborato a più riprese con i registi Robert Altman e Paul Thomas Anderson, apparendo in veste di attore non protagonista in pellicole come Boogie Nights (1997), The Truman Show (1998), Magnolia (1999) e Dogville (2003), ricoprendo anche ruoli di maggior rilievo in Secret Honer (1984), Hard Eight (1996) e Duck (2005).

Andrea Persica

Jason Reitman: “Ghostbusters 2 è nel canone”

C’è una questione che assilla i fan dalle primissime foto trapelate dal set di Ghostbusters: Afterlife.
Che fine ha fatto Ghostbusters II? Possibile che Jason Reitman abbia deciso arbitrariamente di buttare via il secondo capitolo della saga (ormai la possiamo definire così) e rinnegare tutto quello che vi abbiamo visto accadere? A cominciare dalla storica automobile trasformata nella sfavillante Ecto-1A, e che in Afterlife troviamo invece riportata all’aspetto della normale Ecto-1, pur se con significative migliorie tecnologiche.
Interpellato per l’ennesima volta sulla questione, Jason Reitman ha risposto così:

Vorrei potervene parlare (della decisione di Egon di ridipingere il logo originale sulla Ecto-1). Mi limiterò a dire che è una sottotrama non presente in questo film, e che abbiamo idee in divenire. Ghostbusters II è assolutamente nel canone della storia. In Afterlife, i riferimenti a Ghostbusters II ci sono. Troviamo Ray che lavora all’Occultoteca; nella cucina della fattoria c’è il tostapane di Ghostbusters II. In realtà ci sono numerosi dettagli nascosti di Ghostbusters II, ma nessuno conosce davvero quel film al di fuori di Vigo il Carpatico e del logo. Ragion per cui si è diffusa questa supposizione che GB II non rientri più nel canone, mentre invece ci rientra eccome.

Una risposta molto precisa e netta, con la quale il regista si toglie (sempre con garbo) anche qualche sassolino dalla scarpa verso tutti quei fan che, già prima dell’inizio della lavorazione, hanno passato al setaccio e attaccato qualunque dettaglio “non tornasse”. Uno su tutti, l’affronto di posizionare la scaletta sul lato “sbagliato” dell’auto. Salvo poi scoprire che c’era un motivo ben preciso (e a nostro avviso grandioso) per quel cambio: il sedile da mitragliere. Quando il primo trailer mostrò quella modifica all’auto, la reazione dei fan fu di puro entusiasmo, e Jason Reitman postò una foto dell’auto col sedile fuori, e con la didascalia “Ma davvero pensavate che avessimo semplicemente sbagliato a mettere la scala?
Concetto puntualizzato e sottolineato con quest’ultima affermazione.
Chi ha realizzato questo terzo film è letteralmente cresciuto sui set dei primi due. Si è innamorato del cinema, su quei set. Noi tutti abbiamo passato al microscopio ogni fotogramma dei due “Ghostbusters” originali, ma lui era lì mentre quei fotogrammi venivano impressi su pellicola. Cerchiamo di non dimenticarlo.

Edoardo Stoppacciaro

L’album inedito della famiglia Ghostbusters

Sull’onda dell’entusiasmo per la saga di Ghostbusters, Vanity Fair ha pubblicato un articolo con delle foto mai viste sul set di Ghostbusters del 1984 e di Ghostbusters II, del 1989. Sono scatti davvero belli, quasi intimi, con la presenza dei piccoli Murray, Ramis e Reitman.

Le prime fotografie vedono il piccolo figlio di Bill Murray, Homer, oggi ristoratore a Brooklyn. Homer era troppo piccolo per averne ricordi oggi, ma Jason ha detto: “Ricordo che Homer Murray era come il diavolo della Tasmania“. Da queste istantanee non fatichiamo a crederci! Jason chiede al padre Ivan durante l’intervista per Vanity, “Ti sembrava un set sicuro per bambini?? I set a volte sembrano parco giochi, a volte sono pericolosi“. Risponde Ivan: “Penso che questo sembrava più un parco giochi, perché era un grande spazio aperto. Voglio dire, non credo che fossero al sicuro sotto il lampadario quando l’abbiamo fatto schiantare sul tavolo, ma la maggior parte delle volte lo era“.

Si passa poi al set di Ghostbusters II: Jason non sta dirigendo Dan Aykroyd – questo sarebbe accaduto trent’anni dopo esatti – ma probabilmente stanno parlando di altro. Dietro lo zaino protonico di Dan c’è la tazza promozionale degli acchiappafantasmi, ricordate? “uno per famiglia!”

Su un altro set si vedono Ivan, Jason e Bill Murray guardare quelle che Jason ricorda essere come uno dei primi concept art di Vigo. Padre e figlio discutono su quello che era l’atteggiamento di Murray come improvvisatore perenne delle sue battute, alla ricerca di una colonna da seguire per migliorare la scena. Jason intuisce cosa intende papà Ivan, e cioè Murray costruiva la scena per ottenere una opportunità di scatenare la risata a suo favore.

“Qui”, dice Jason, “è dove è cominciata la mia ossessione [di diventare regista]”. A volte Ivan faceva finta di arrabbiarsi perché Jason non sembrava troppo interessato a quello che stessero facendo, e allora lo invitava a guardare dentro l’obiettivo.

Altra visitatrice sul set, Violet, la primogenita di Harold, in questo scatto fatto durante le riprese della scena del tribunale. Violet nel 2018 avrebbe poi pubblicato un libro di memorie poi edito da noi recentemente. “È un vero incrocio tra Harold e sua madre [Anne Plotkin], e ha un senso dell’umorismo adorabile e bizzarro”, ricorda Ivan. “Penso che avessero una relazione molto matura”. “Quando leggi il libro di Violet, hai un’idea di come fosse la loro relazione, padre in figlia”, dice Jason, che si è consultato con lei sulla sceneggiatura di Afterlife e sul modo in cui ha gestito l’eredità di suo padre come Egon. “L’ha chiaramente trattata come un’adulta fin dall’inizio. Questo è diventato parte del loro legame, ed è quello che vedo in questa foto. C’è chiaramente una vera amicizia lì”.

Ivan ha sempre ritagliato piccole partecipazioni alla sua famiglia: era Jason il bambino che diceva a Ray Stantz “Mio padre dice che vendete fumo e merda”, ma anche Catherine – oggi star della serie CBS Workin’ Moms – appariva in Ghostbusters II. Era la bambina la cui gioia era monitorata da Egon, nella scena che si concludeva con la sua frase, “Vediamo cosa succede quanto le togliamo il cucciolo”.

Una terza figlia, Caroline, era troppo piccola per avere una parte, ma sul set è giunta in un giorno davvero speciale. Ricorda Ivan: “Quella è la mamma di Jason, mia moglie, Geneviève, che dà da mangiare alla bambina. E quello è il giorno in cui è arrivata con in braccio quel bambino dal Nevada, dove l’abbiamo adottata”, dice Ivan. “È venuta direttamente sul set, che era agli studi di Burbank, per mostrarmi il bambino. Questo è il primo momento in cui ho avuto modo di vederla. Ovviamente, ha avuto modo di incontrare i Ghostbusters”.

 

Documentario su “Ghostbusters II” in arrivo

In occasione della riedizione nelle sale americane del documentario Cleanin’ Up The Town: Remembering Ghostbusters, diretto da Anthony Bueno e distribuito in home-video anche da noi, in uscita il 1 ottobre 2021, è notizia recente che la seconda parte del documentario, dedicato alla lavorazione di Ghostbusters II, è molto vicino ad essere completato. Il film, intitolato Too Hot To Handle: Remembering Ghostbusters II, era in verità la seconda parte del documentario che nel 2016 fu deciso di dividere in due sezioni distinte per ogni film, e che da circa un anno era in fase di post-produzione. Molto recentemente il regista aveva dichiarato di aver ricominciato le riprese per alcune interviste inedite, e che il compositore di GB2, Randy Edelman, avrebbe composto le musiche del documentario.

“Contrariamente alla credenza popolare, Ghostbusters II ha un enorme seguito”, ha commentato il regista Anthony Bueno, e che rispetto al primo capitolo ha una storia di produzione molto diversa e più intrigante da raccontare. Molte le interviste ai protagonisti della lavorazione: Dan Aykroyd, Harold Ramis, Ernie Hudson e Sigourney Weaver, Ivan Reitman, i produttori Joe Medjuck e Michael C. Gross, cast degli effetti speciali come Dennis Muren e Ned Gorman, e molti altri. Potrete seguire gli sviluppi della lavorazione cliccando nel sito ufficiale.

Ghostbusters Italia, già supervisore dei sottotitoli italiani della versione italiana disponibile in home-video, seguirà l’esito del film assieme a voi!

Siamo pronti a credere alla Bueno Productions!

GHOSTBUSTERS II – Recensione dello score musicale

Inedite per trentadue anni, le musiche orchestrali di Randy Edelman arrivano per la prima volta nei negozi. Ghostbusters Italia le ha ascoltate e ve ne parla, in anteprima mondiale.
Seguendo la scia di rivelazioni sul sempre più vicino Afterlife, lo score musicale di Ghostbusters II (1989) composto da Randy Edelman ha fatto il suo debutto discografico per mano dalla Sony Classical, disponibile in Italia nella versione CD a partire dal 27 Agosto 2021 e in quella vinile, trasparente e rigorosamente “inzaccherata” di melma rosa, dal 10 Ottobre.
In qualche modo distante dagli standard hollywoodiani dei grandi classici, il suddetto riesce nell’intento di replicare, a modo proprio, quanto già degnamente raggiunto dalle musiche del primo capitolo della serie, accostandosi ai toni leggeri della commedia avventurosa e sostenendo egregiamente l’alternarsi serrato tra scene goliardiche e momenti di maggior tensione, senza rinunciare a quel pizzico di mondanità, alla natura brillante che pervade, serena e forse ancor più bizzarra, l’intero lungometraggio.

Di questa prima edizione, la prima cosa che sicuramente salta all’occhio è il numero “esiguo” di tracce contenute, per un totale di 16 disposte non seguendo l’ordine cronologico degli eventi narrati (si apre con A Few Friends Save Manhattan, la suite dei titoli di coda). La maggior parte dei brani sono sì presenti nella film, magari con un missaggio e una disposizione degli strumenti differente, altri sono vere e proprie variazioni o estensioni (A Baby Carriage Meets Heavy Traffic, In Liberty’s Shadow) delle arie che abbiamo solo in parte ascoltato alla visione, oppure inediti, tra i quali si annida più di un riferimento al tema di Ray Parker Jr. (One Leaky Sewer Faucet). A differenza dell’ultima ristampa dello score del primo Ghostbusters di Elmer Bernstein, dove le tracce furono disposte per venire incontro alla capienza massima dei quattro lati dei vinili e l’incoerenza narrativa faceva sentire il suo peso, qui a tutti gli effetti si ha l’impressione di trovarsi al cospetto di un album concepito e ragionato per definirsi tale, con un mood calibrato che riesce a unire con naturalezza i momenti di prorompente agitazione (He’s Got Carpathian Eyes, A Slime Darkened Doorway) a quelli di intima delicatezza (The Sensitive Side of Dana): tutto questo riguardo nei confronti della disposizione dei brani, nonché la presenza di incisioni a primo ascolto registrate per l’occasione, fa pensare che il disco sia stato confezionato per uscire proprio nel 1989, periodo nel quale gli score orchestrali, andando di pari passo con le proprie controparti pop/rock, stavano assumendo una certa importanza nel mercato discografico internazionale e di conseguenza ricevendo un trattamento equo, stimati e richiesti da un pubblico sempre più accorto all’aspetto musicale dei lavori cinematografici. Non siamo quindi davanti a uno score integrale, non sono presenti tutti i brani registrati per il film, ma è altrettanto chiaro che non sia questo lo scopo primario dell’album, così come pensato: totalmente coevo con il periodo di supposta ideazione, mira ad accompagnare l’ascoltatore in un viaggio coerente nel mondo di un’intera pellicola ripresentata al di là dello schermo, lontano dalla frammentarietà dei quei dischi rimpinzati di take ripetitivi, distaccati e tanto cari agli storici e ai collezionisti, qui a contare sono le immagini sonore e le emozioni, la cui elaborazione viene a maggior ragione lasciata nelle mani del punto di raccordo finale, l’ascoltatore, ma non senza il sapiente accompagnamento del narratore, di colui che ha quindi disposto le stazioni in modo tale da rendere il viaggio il più distensivo possibile. Raramente i titoli dei brani non corrispondono per intero alla sequenza musicalmente accompagnata (The Scoleri Brothers), ma questo aspetto, da non sottovalutare se si è in particolar modo abituati alla struttura dei concept album e ai suoi raccordi musicali, può considerarsi decisamente l’ennesimo valore aggiunto di un prodotto anacronistico, vero, ma che può consentire un’immersione mirata, meno macchinosa e più avvincente. La musica di Edelman, alle volte troppo coperta dalle rocambolesche occorrenze, qui risulta invece ritrovare il giusto colore e vivere di vita propria, passa da momenti di assoluta prominenza (Vigo’s Last Stand) a sprazzi di assoluta goliardia (Venkman’s 6th Ave. Strut, un pavoneggiante a là-Randy Newman che “diverrà” la prossima hit estiva di molti), in totale accordo come dicevamo con l’indole dell’opera filmica, tra scherzo e terrore. In conclusione, un piccolo gioiello rimasto in un polveroso dimenticatoio per troppo tempo, finalmente riesumato e libero di raccontare una bella storia così come non l’abbiamo mai sentita prima d’ora, che vi consigliamo di recuperare al più presto.

Andrea Persica